Orto Botanico ed Erbario – Università di Bologna

Seguiteci! quindicesima parte

Lascia un commento

KOELREUTERIA

koelreuteria

I frutti dell’anno sono ormai completamente maturi e hanno iniziato a cadere. Alcuni frutti della scorsa annata, evidenziati nei cerchi bianchi, resistono tenacemente: si riconoscono sia per la posizione (sul tratto di ramo dell’anno scorso, non all’apice di quello di quest’anno) sia per il colore ormai sbiadito.

 

AGRIFOGLIO

I frutti, quest’anno meno numerosi del solito, cominciano a cambiare colore: per il momento stanno appena virando al giallo, per il classico rosso “natalizio” ci vuole ancora un po’. Intanto sono comparse le gemme a fiore che si apriranno la prossima primavera: le vedete sia all’ascella delle foglie sia in altri punti del rametto.

 

CATALPA

catalpa

Mentre molti frutti della scorsa annata sono ancora presenti, quelli dell’anno sono ancora acerbi: iniziano a appena a seccarsi sulle punte

 

CRITTOMERIA

crittomeria – coni maschili

Sono comparsi i coni maschili che si apriranno l’anno prossimo. Le pigne di quest’anno sono ancora quasi completamente verdi.

 

ALBERO DELL’UVA PASSA

Nell’arco di una settimana molti frutti (le sferette all’apice dei “riccioli”) sono passati dal verde al marrone. Rispetto a fine luglio (“Seguiteci!” 14) è molto evidente l’ingrossamento dei peduncoli.

 

ALBERO DEL MIELE

Sempre una settimana separa le immagini relative all’albero del miele, che purtroppo da qualche tempo non è però accessibile per il pubblico. Il colore rosa dei frutti che stanno per aprirsi scompare in breve tempo, l’infruttescenza rimane comunque piuttosto vistosa, sia per posizione (apice del ramo) e dimensioni, sia per il colore.

 

LIBOCEDRO

I piccoli ingrossamenti comparsi a fine luglio all’apice dei rametti sono ora ben riconoscibili coni maschili, che si preparano per la prossima annata. Le pigne sono mature e stanno cadendo. Hanno una forma piuttosto insolita: sono apparentemente formate da 3 sole squame, unite alla base, che contengono i semi alati.

 

SOFORA

Nella prima immagine vedete il tipico aspetto un po’ “arruffato” delle sofore cariche di frutti, ancora acerbi. Nell’altra vi mostriamo un grappolo visto da vicino: non tutti i numerosi fiori che lo componevano sono stati fecondati o hanno allegato, ma quelli che ce l’hanno fatta si sono trasformati in quegli strani frutti che somigliano a chicchi d’uva infilati l’uno sull’altro, piuttosto diversi dai tipici baccelli di molte piante della stessa famiglia botanica (Leguminose o Fabacee: fagioli e piselli, ad esempio). Questo tipo di frutto, con strozzature fra un seme e l’altro, è chiamato “lomento, e non si aprirà longitudinalmente a maturità liberando i singoli semi; si spezzerà, invece, in corrispondenza delle strozzature.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...