Orto Botanico ed Erbario – Università di Bologna

6 Bosco golenale

Per giungere allo stagno si può attraversare un boschetto che rappresenta un esempio della boscaglia tipica di pianura, costituita da specie vegetali amanti dell’umidità, in grado di tollerare anche saltuarie inondazioni. Tra gli alberi ritroviamo qui soprattutto il Pioppo bianco (Populus alba L.): pianta termofila e amante della luce, dalla caratteristica corteccia bianco-grigia e dalle foglie inferiormente “vellutate”. Vi sono inoltre alcuni giovani Frassini ed alcuni Aceri: Acer campestre L.(autoctono) ed Acer negundo L. (non autoctono, generalmente coltivato nei viali ed ormai inselvatichito). Tra gli arbusti si può notare il Salice rosso (Salix purpurea L.) così chiamato per il colore rossastro dei rami, che generalmente si trova lungo i corsi d’acqua in consociazione col Salice lanoso (Salix eleagnos L.) e col Pioppo, su suoli sia inondabili che asciutti. Altre specie arbustive presenti sono il Nocciolo, il Corniolo sanguinello, il Ligustro, il Sambuco e il Caprifoglio. Interessante anche lo strato erbaceo, dove dominano Carex pendula ed Equiseti, che crescono su un vero e proprio “tappeto” di Edera. Da ricordare inoltre le due specie protette Vinca minor L. e Vinca major L. , stolonifere striscianti dai fiori azzurro-violetti, che non sono propriamente caratteristiche di questi ambienti, mentre le ritroviamo, rare, nei boschi mesofili della fascia collinare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...