Cince

Cince (Paridae Vigors, 1825)

Le cince appartengono alla famiglia dei paridi, gruppo di passeriformi insettivori principalmente stanziali. La loro dieta può comprendere, in inverno, granaglie e semi di piccole dimensioni, il che le rende abituali visitatrici delle mangiatoie. Le cince avvistate nell’Orto botanico sono:

cinciarella.jpg
Cinciarella

Cinciarella, Cyanistes caeruleus (Linnaeus, 1758), abitante delle cavità di muri e alberi. Presenta un piumaggio molto vivace, con nuca, coda e ali cobalto, dorso verdastro, ventre giallo, un piccolo “bavaglio” nero, una linea nera ad altezza degli occhi circondata da una mascherina bianca. I giovani hanno colori più deboli

Cinciallegra, Parus major Linnaeus, 1758, di dimensioni maggiori rispetto a tutte le altre cince europee, possiede capo e coda neri, guance bianche, il petto giallo attraversato da una striscia nera, dorso verdastro, coda e ali blu, quest’ultime con una barra bianca sottile. È una specie molto territoriale, ma nei confronti dell’uomo può rivelarsi socievole, soprattutto se la nostra presenza è legata all’offerta di cibo.

Cincia mora, Periparus ater (Linnaeus, 1758), molto simile alla cinciallegra ma con colori più spenti e grigiastri, petto color crema o rosato, le guance bianche e il capo ampiamente nero, con la caratteristica piccola macchia bianca sulla nuca che ne facilita l’identificazione.

Inoltre, sebbene non faccia parte della famiglia dei paridi ma di quella degli egitalidi, anche il codibugnolo, Aegithalos caudatus (Linnaeus, 1758), merita una menzione, poiché spesso per similitudini fisiche e comportamentali viene spesso associato alle cince ed è stato ampiamente osservato nell’Orto Botanico. Il suo corpo è piccolo e tondo, con una lunga coda di 7-8 cm circa che lo rende ben riconoscibile. Ha un becco molto piccolo, una striscia bianca sul capo e una ampia stria nera subito sopra gli occhi; il piumaggio è marrone sia chiaro che scuro sopra, rosato e beige sotto.

codibugnolo.jpg
Codibugnolo